STUDIO LEGALE CARACCI  

Avv. Gianni Caracci

Avv. Vituccia Catania

Penale-Civile-Amministrativo

Via Vittorio Emanuele 24, 91028 Partanna Tp

Tel e Fax 092487971 Cell. 3284274652

 


LA MASSIMA

 

Contratto di trasporto aereo – perdita di bagagli - responsabilità del vettore – limiti.

In tema di responsabilità del vettore per perdita, avaria o distrazione parziale del bagaglio presupposto essenziale è che il viaggiatore provi, mediante produzione del biglietto di viaggio e dello o degli scontrini relativi al bagaglio, l’esistenza del contratto di trasporto, e non contenendo tale produzione alcuna indicazione sul contenuto del bagaglio, il viaggiatore è tenuto anche a fornire la prova, con qualunque mezzo idoneo, del danno subito

 

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PARTANNA

Il Giudice di Pace di Partanna Dott. Alberto POLIZZI, ha emesso la seguente

SENTENZA

nella causa civile n° 22/2004 R.G.A.C. promossa

DA

M. G., nata il 21 dicembre 1965 a Palermo, giusta mandato a margine dell’atto di citazione rappresentata e difesa dall’avv. Filippo Triolo presso il cui studio in Partanna Via Vittorio Emanuele n. 166 è elettivamente domiciliata

ATTRICE

CONTRO

A. S.p.A., in persona dell’amministratore delegato pro – tempore, rappresentata e difesa, giusta procura a margine della comparsa di costituzione e risposta conferita dai dott.ri L. C. e A. T., rispettivamente General Counsel e Vice President Italy Sales Aerea dell’A. S.p.A., dall’avv. prof. Girolamo Bongiorno e dall’avv. Gianni Caracci ed elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo in Partanna nella Via Vittorio Emanuele n. 24

CONVENUTA

All’udienza del 27 aprile 2004 la causa è stata posta in decisione, con termine alle parti per il deposito di note, sulle seguenti

CONCLUSIONI

Nell’interesse dell’attrice “PIACCIA AL SIGNOR GIUDICE DI PACE

Disattesa ogni contraria istanza eccezione e difesa.

PRELIMINARMENTE

RITENERE tardive le eccezioni tutte sollevate da controparte, dichiarandole, in ogni caso, infondate e destituite di qualsivoglia fondamento e, per l’effetto, rigettarle con ogni e qualsiasi statuizione.

NEL MERITO

previa declaratoria dell’esclusiva responsabilità della S.p.A. convenuta nel verificarsi del furto e nella conseguenziale determinazione di tutti i danni dalla stessa patiti. RITENERE E DICHIARARE che dai bagagli di proprietà dell’attrice sono stati sottratti tutti gli oggetti indicati in denuncia.

RITENERE E DICHIARARE in capo all’attrice G. M., il diritto di ottenere dall’A. S.p.A., il risarcimento dei danni sofferti, nonché il consequenziale obbligo della Società convenuta di provvedere all’integrale ristoro.

Per l’effetto CONDANNARE la S.p.A. A., in persona del legale rappresentante pro-tempore, al pagamento in favore dell’attrice G. M., della somma di €. 1.100,00 come sopra determinata e dovuta.

Con vittoria di spese, competenze ed onorari del giudizio.”

Nell’interesse della convenuta: “VOGLIA L’ILL.MO SIG.GIUDICE DI PACE

Disattesa ogni contraria istanza, eccezione e difesa.

In via preliminare dichiarare la propria incompetenza per materia e comunque funzionale a conoscere le domande proposte dalla signora G.M. ai sensi dell’art .28 della Convenzione di Varsavia del 1929, dichiarando la competenza del Tribunale di Marsala - Sezione Distaccata di Partanna.

In subordine sempre in via preliminare dichiarare la nullità dell’atto di citazione introduttivo del presente giudizio, stante l’assoluta genericità e indeterminatezza della esposizione dei fatti.

Sempre più in subordine e sempre in via preliminare dichiarare il difetto di legittimazione passiva dell’A..

In ogni caso ritenere e dichiarare che la signora G. M. è decaduta dal diritto al risarcimento dei danni nei confronti dell’A.

In ulteriore subordine e senza recesso dalle superiori eccezioni dichiarare inammissibili, estinte per prescrizione e comunque, nel merito, con qualsiasi statuizione, rigettare tutte le domande proposte dalla signora G.M. perché infondate in fatto ed in diritto.

In via ancora più sobordinata e sempre senza recesso dalle superiori eccezioni ritenere e dichiarare che il risarcimento eventualmente dovuto a parte attrice va comunque limitato, in forza della Convenzione di Varsavia e delle Condizioni Generali di Trasporto Internazionali, complessivamente fino ad un massimo di 17 Diritti Speciali di Prelievo (pari ad euro 14,26238) per chilogrammo di bagaglio registrato, in relazione al danno effettivamente subito e provato.

Condannare l’attrice alle spese, competenze ed onorari del giudizio.

Salvo ogni altro diritto.”

FATTO E SVOLG]MENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione regolarmente notificato addì 2 gennaio 2004 G.M. conveniva in giudizio l’A. S.p.A.

Esponeva l’attrice che il 2 agosto 2003 aveva imbarcato tre bagagli, contraddistinti dai nn. AZ 216418-216419 e 216420, sul volo Alitalia “New York - Palermo”.

Non avendoli rinvenuti all’arrivo ne aveva denunciato lo smarrimento presso l’apposito ufficio dell’aeroporto “Falcone - Borsellino” di Palermo.

Nel pomeriggio del successivo 8 agosto le venivano recapitati al proprio domicilio i bagagli con le chiusure forzate e richiuse con materiale incollante e dai quali però l’attrice constatava che era stata sottratta parte del contenuto per un valore complessivo di €. l.300,00 circa.

Del fatto è stata presentata dettagliata e circostanziata denuncia ai CC della Stazione di Partanna.

Dopo avere inutilmente avanzato richiesta di ristoro dei danni subiti alla convenuta A. l’attrice la chiamava in giudizio per avere riconosciuto il diritto ad ottenerlo. L’A. S.p.A. non si costituiva alla prima udienza di comparizione, ma vi provvedeva solo all’udienza successiva; contestava le domande proposte dall’attrice, ne chiedeva il rigetto con la condanna alle spese, ed eccepiva

  • l’incompetenza per materia del giudice adito, individuando nel Tribunale di Marsala - Sezione Distaccata di Partanna il Giudice competente;
  • la nullità dell’atto di citazione per la genericità ed indeterminatezza della domanda;
  • il difetto di legittimazione passiva della convenuta A.;
  • la decadenza dell’attrice dal diritto al risarcimento nei confronti dell’A.;
  • l’inammissibilità della domanda attrice perché infondata in fatto ed in diritto e comunque la limitazione del risarcimento fino ad un massimo di 17 Diritti Speciali di Prelievo (pari ad €. 14,26238) per chilogrammo di bagaglio registrato che sarà provato essere stato effettivamente sottratto.

Acquisita la documentazione prodotta dalle parti ed esperite le prove testimoniali la causa veniva posta in decisone sulle conclusioni trascritte.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Le eccezioni preliminari proposte dalla convenuta di incompetenza per materia del giudice adito, di nullità dell’atto di citazione ex art. l64/co.40 c.p.c. e di difetto di legittimazione passiva della stessa non sono meritevoli di accoglimento e vanno pertanto respinte.

Circa l’assunta incompetenza per materia ai sensi dell’art. 28 della Convenzione di Varsavia del 12.11.1929, come modificata dai protocolli dell’Aja 28/09/1955 e Montreal 28/05/1999 l’una e gli altri resi esecutivi in Italia con le leggi 19 maggio 1932 n. 841, 3 dicembre 1962 n.1832 e 10 gennaio 2004 n. 12, si osserva che l’espressione “Tribunale“ ivi riportata deve intendersi come organizzazione giudiziaria tant’é che al punto 4 dell’art.33 della L. 1/2/2004 si legge “si applicano le norme procedurali del Tribunale adito”; tale interpretazione è confortata dalle innumeri decisioni su fattispecie similari date dai Pretori prima e dai Giudici di Pace dopo.

Sulla nullità ex 164 /co.40 c.p.c. si rileva che nell’atto introduttivo del giudizio l’attrice ha sufficientemente esposto i fatti, avendo indicato il giorno del volo ed i tre tagliandi che contraddistinguevano i bagagli, precisando inoltre sia la natura che la quantità della pretesa: una somma di denaro, entro la competenza per valore di questo giudice, a titolo di risarcimento.

Infine sul difetto di legittimazione passiva eccepito dalla convenuta, che sarebbe invece in capo alla società di gestione aeroportuali, si osserva che l’esecuzione del contratto di trasporto, in particolare in tema di trasporto aereo internazionale, ha inizio con la consegna della cosa al vettore e viene definitivamente adempiuto con la riconsegna del bagaglio al viaggiatore, sussistendo a carico del vettore - il quale si trova nella detenzione delle cose trasportate - l’obbligo di conservarle e custodirle fino alla loro consegna.

Tanto premesso va subito evidenziato che anche la domanda proposta dalla M. va respinta, essendo la stessa priva di fondamento.

In tema di responsabilità del vettore per perdita, avaria o distrazione parziale del bagaglio presupposto essenziale è che il viaggiatore provi, mediante produzione del biglietto di viaggio e dello o degli scontrini relativi al bagaglio, l’esistenza del contratto di trasporto, e non contenendo tale produzione alcuna indicazione sul contenuto del bagaglio, il viaggiatore è tenuto anche a fornire la prova, con qualunque mezzo idoneo, del danno subito.

Nella fattispecie la signora M. Giovanna non ha prodotto il biglietto di viaggio, né gli scontrini relativi al bagaglio, e principalmente non ha provato con mezzi idonei il danno subito.

Ininfluenti infatti si sono rivelate a tal fine le dichiarazioni dei testi escussi a sua richiesta: nessuno di loro infatti era presente al momento della preparazione dei bagagli e pertanto tutte le loro affermazioni si sono rivelate ”de relato”e come tali prive di alcuna valenza probatoria.

La domanda pertanto non può trovare accoglimento e va respinta.

Sussistono giusti motivi, avuto riguardo alla materia della decisione, per compensare integralmente tra le parti le spese del giudizio.

P.Q.M.

Il Giudice di Pace di Partanna, definitivamente decidendo, così provvede:

  • respinge, per carenza di prova, la domanda proposta da M. G. contro l’A. S.p.A., con citazione notificata il 2 gennaio 2004, come in motivazione;
  • dichiara interamente compensate tra le parti le spese del presente giudizio.

Partanna addì 20 luglio 2004

IL GIUDICE DI PACE

(Dott. Alberto POLIZZI)

IL CANCELLIERE

 

CONTATORE VISITE

 

RITORNA ALLA SEZIONE RITORNA AD INIZIO PAGINA